Guida Gratuita: Le 10 cose da fare su LinkedIn

Linkedin iFormazione Web


LinkedIn è un professional network, dedicato prettamente al mondo del lavoro, usato sia da utenti privati che da aziende.
Attualmente conta oltre cinque milioni di professionisti iscritti solo in Italia. 

La registrazione del profilo utente base é gratuita (vengono offerti servizi Premium a pagamento per migliorare la visibilità dell'utente) e corrisponde ad un curriculum vitae online, che verrà condiviso con le proprie reti di utenti, definite "connessioni".

Su LinkedIn possono essere condivisi post ed essere scambiati messaggi di posta ma non esiste un servizio di chat in tempo reale.

Iscriversi a Linkedln presenta numerosi vantaggi: essere presentati a utenti che si desidera conoscere attraverso un contatto affidabile e professionale, trovare offerte di lavoro pubblicate da aziende e iscriversi ad esse, trovare persone e opportunità di business attraverso contatti presenti nel proprio network ed ampliare il proprio network. 




Vediamo insieme 10 cose da fare su Linkedln.

1) PROFILO: LE IMPOSTAZIONI PRINCIPALI
Su LinkedIn occorre mantenere un profilo ed un'immagine di sé professionali. Come in un normale curriculum vitae compilate tutti i campi e le sezioni del profilo. Presentatevi attraverso una foto profilo che rispecchi la vostra personalità ma che sia allo stesso tempo professionale.

Non limitatevi a fare copia e incolla del curriculum vitae ma adattatelo alla versione online aggiungendo immagini significative e attestati, certificati ecc. Compilare tutte le parti del profilo significa renderlo efficace e acquisire visibilità. Fornite tutte le informazioni utili per far capire ai selezionatori se siete adatti o meno per l'offerta di lavoro.

Almeno nella prima fase dopo l'iscrizione, i contatti andranno selezionati accuratamente: limitatevi a creare poche ma buone connessioni con persone che conoscete realmente, con cui avete lavorato o condiviso un percorso di studio.

Limitate il numero di aggiornamenti visibili alle vostre connessioni: quando il profilo non è completo e si effettuano numerose modifiche è preferibile restringere la visibilità.
 
Nella sezione "Chi ha visitato il tuo profilo" potete monitorare le visualizzazioni del profilo da parte degli altri iscritti e alcune loro informazioni: anche le visualizzazioni sono significative per innalzare il livello di efficacia e visibilità del profilo.


2) FARE RETE: CONTATTI, COLLEGAMENTI, TROVA EX STUDENTI
La voce "Rete" del menù orizzontale rappresenta la parte per gestire e inviare richieste di collegamento. Nella sezione "Contatti" di LinkedIn si possono vedere tutti gli utenti collegati alla propria rete suddivisi per varie categorie, una segmentazione delle connessioni che si rivela estremamente utile in fase di personal branding e content marketing.

Nella sezione "Aggiungi collegamenti" vi è il classico form per la importazione di contatti partendo da un account email o da file.

Nella sezione "Trova Ex Studenti", tramite l’uso di vari filtri di ricerca, si possono ricercare contatti inerenti il proprio percorso formativo.

Molto interessanti sono le statistiche relative agli sviluppi delle vite professionali degli ex compagni di università.
I nuovi collegamenti possono essere aggiunti anche dai suggerimenti in "Home" e vengono proposti in quanto contatti di altri vostri contatti (in una scala gerarchica: contatti di primo, secondo, terzo grado). 

Attenzione: spesso, quando si invia una richiesta di contatto, compare prima un form a risposta multipla in cui, prima di procedere all'inoltro della richiesta, occorre specificare come si è conosciuto il contatto (collega, compagno di studi, amico). Selezionando la voce "Non conosco" viene riportato un messaggio in cui si sconsiglia di creare collegamenti  con persone sconosciute.

Quindi, l'espansione della propria rete, è vincolata alle proprie esperienze formative e curricolari indicate nel profilo.


3) CERCARE OFFERTE DI LAVORO
Quello che rende Linkedln qualcosa di più di un social network basato sulle relazioni è la possibilità di cercare e iscriversi a offerte di lavoro pubblicate dalle aziende. All'interno del loro profilo molte aziende creano sezioni dedicate alle posizioni aperte ed alle opportunità di carriera.

Linkedln, inoltre, mette a disposizione la possibilità d'incontro tra domanda e offerta di lavoro entro la sezione "Offerte di lavoro". Da qui potete capire il punto di forza di questo social network che, non solo permette di espandere contatti e reti di business, ma offre anche una possibilità diretta e concreta di cercare lavoro nel momento in cui siete disoccupati o in procinto di cambiare professione.

Dopo aver effettuato una ricerca di lavoro (sempre nella sezione "Lavoro", nel menù orizzontale in alto) potete salvarla.

Dopo aver ottenuto i risultati di ricerca, cliccate il link "Salva ricerca" in alto, nell'angolo a destra: potete salvare fino a 10 ricerche di offerte a cui potrete accedere direttamente dalla pagina dei risultati. Si può anche impostare l'opzione di far effettuare a Linkedln la stessa ricerca in modo automatico e inviarvi i nuovi risultati tramite email (ogni settimana, ogni giorno oppure una volta al mese).





4) INTERESSSI: AZIENDE, GRUPPI, FORMAZIONE PULSE E SLIDESHARE
Nella sezione "Interessi" del menù orizzontale in alto trovate una serie di voci che riguardano gli interessi che nutrite, i settori in cui operate professionalmente, i gruppi a cui vi iscrivete perché ritenuti rilevanti per il vostro lavoro.
Aziende: qui potete ricevere e visualizzare gli aggiornamenti delle aziende presenti su LinkedIn. Inoltre, è presente una sottosezione con le notizie provenienti solo dalle aziende che seguite.

Gruppi: anche su Linkedln c'è la possibilità di iscriversi a gruppi e in questa sezione potete trovare gli aggiornamenti e le nuove discussioni aperte.
I gruppi si rivelano un altro prezioso strumento per coltivare relazioni e stringere contatti, uno strumento per fare personal branding.

Di Pulse e SlideShare parliamo nel dettaglio qui sotto.
Formazione: sezione dedicata alla pianificazione del proprio percorso formativo con le voci "cerca università" e "campi di studio", la classifica delle Università in base ai risultati lavorativi e, di nuovo, "cerca ex studenti".


5) FARE CONTENT MARKETING: PULSE E SLIDESHARE
Vediamo nel dettaglio due strumenti di Linkedln per ideare una strategia di Content Marketing.

Pulse
: si tratta della piattaforma di micro blogging di Linkedln. Anche questo professional network offre la possibilità di creare propri contenuti e condividerli con i professionisti e i contatti del vostro network.
Quindi uno strumento di micro-blogging per condividere conoscenze e opinioni su particolari temi professionali e non, affermarsi come fonte esperta ed aggiornata su determinati argomenti, far crescere la vostra reputazione online e di conseguenza i contatti di lavoro e le possibilità di business.

Per pubblicare con Pulse occorre andare innanzitutto sulle "Impostazioni", selezionando "Account & Settings" (che si trova in alto a destra, cliccando la miniatura della foto di profilo) e cambiare le impostazioni della lingua da Italiano a Inglese.

A questo punto, tornando a Pulse, risultate abilitati per creare i vostri post e contenuti tramite il bottone "Publish a post".

Nella parte superiore dell'editor è possibile inserire un'immagine di 700x40 pixel come copertina, sotto troviamo un classico form di testo online: esso offre la possibilità di inserire link, immagini, video e altri elementi come tweets, presentazioni di SlideShare, podcasts da SoundCloud, classifiche e sondaggi da Chartblocks e PollDaddy ed il tag utenti.

Slideshare: con Slideshare è possibile scaricare e condividere presentazioni, info grafiche, documenti, video, PDF ecc.
Slideshare era un servizio indipendente fino al 2012 quando poi è stato acquistato da Linkedln.

La pubblicazione dei propri contenuti su Slideshare è un altro modo per aumentare la propria reputazione online, affermarsi come fonte autorevole ed ottenere un aumento di visibilità poiché rappresenta una sorta di vetrina dei vostri contenuti migliori.

E' possibile trovare nuovi contatti qualificati ("Collect Leads") tramite i contenuti caricati.


6) SEGNALAZIONI, PREMI, RICONOSCIMENTI E CONFERMA COMPETENZE
Su Linkedln è possibile ricevere feedback circa le proprie reali competenze da parte delle connessioni che vi conoscono, coloro che hanno lavorato con voi o che hanno condiviso un percorso formativo. La credibilità e la visibilità del vostro profilo professionale può ricevere così una spinta e accreditarvi come persone competenti del settore in cui operate.

Le segnalazioni rappresentano riconoscimenti di stima da parte di coloro che hanno lavorato con voi.

All'interno del profilo sono poi presenti i Riconoscimenti e i Premi Ottenuti: la stessa logica funziona per le Conferme di competenze e per questo scegliete parole chiave che riguardano le vostre competenze e saranno gli altri a confermarle o meno.

Va da sé che confermare le competenze dei vostri contatti, in modo sincero e consapevole, sarà una ottima possibilità per riceverle, ricambiate, sul vostro profilo. Uno scambio virtuoso e vantaggioso per entrambi.


7) FARE PERSONAL BRANDING
LinkedIn si rivela un prezioso strumento per fare personal branding, forse più degli altri social network, proprio perché tutto si basa sull'ambito professionale.

Per personal branding si intende la propria identità digitale, strettamente legata alla reputazione online, al fine di accreditarsi come professionista. Si inizia a fare personal branding dal momento in cui si compila il proprio profilo-curriculum vitae e con i vari aggiornamenti relativi agli incarichi lavorativi ed alle competenze.

Definite l'ambito del vostro intervento e il settore di appartenenza professionale, pubblicate contenuti inerenti, promuovete eventuali info prodotti creati da voi (e-book, webinar, portfolio, presentazioni, infografiche, video-corsi ecc).
È importante trovare i contatti giusti a cui presentare il vostro bagaglio professionale e le aziende adatte da cui farsi riconoscere come professionista dello stesso settore di appartenenza.


8) STRATEGIE AZIENDALI
Linkedln non è solo il professional network per singoli professionisti, imprenditori e freelance che vogliono espandere i contatti e cercare lavoro ma anche per le aziende che vogliono farsi conoscere e reclutare personale qualificato.

L'iscrizione a Linkedln prevede infatti due opzioni: il profilo privato riservato alle persone fisiche ed il profilo aziendale (Company page).
Essere su Linkedln per le aziende significa essenzialmente fare comunicazione con il proprio target, stringere contatti e convertirli in opportunità di business.

Come? Innanzitutto ottimizzando la pagina aziendale, poi stabilendo un piano editoriale preciso, creando pagine vetrine collegate, pubblicando offerte di lavoro nella relativa pagina "Carriere" grazie alla quale il profilo aziendale aumenterà la propria visibilità.

Infine, le aziende possono formare e rendere i propri dipendenti e collaboratori dei Brand Ambrassador: invitando i dipendenti a collegarsi alla pagina, le aziende possono procedere a creare delle strategie di Ambassador Marketing, definire linee guida e netiquette, trasformare i dipendenti e collaboratori nella prima community, nel primo network dell'azienda e partire da questo per espandersi.

L'importanza dell’azienda passa attraverso l’importanza delle persone che vi lavorano e il valore dei dipendenti farà il valore dell’azienda.



9) NETIQUETTE: COME COMPORTARSI SU LINKEDIN
Linkedln è un professional network e come tale richiede ai propri utenti di conservare un comportamento etico relativo all'immagine professionale.

Ma non è sempre così.

Ecco allora una serie di consigli per le netiquette di Linkedln:
  • Non inviate richieste di connessione con il testo standard proposto da LinkedIn ma personalizzatelo;
  • Non inviate una richiesta di contatto con l'opzione "Amico" se non conoscete la persona;
  • Utilizzate una foto profilo professionale e che non vi ritragga in un momento strettamente personale;
  • Compilate tutte le sezioni del profilo: un profilo incompleto e non curato non comunica credibilità e affidabilità;
  • Non chiedete Segnalazioni a persone che non conoscete.
  • Non pubblicare e non condividere contenuti che non siano pertinenti e coerenti con il vostro brand, professione ed area di interesse;
  • Non inviare messaggi in massa ai vostri contatti: è spam;
  • Dopo aver accettato una richiesta di connessione inviate un messaggio per iniziare una conversazione;
  • Partecipate in modo pacato alle attività dei gruppi per costruire relazioni ed accreditarvi come professionisti disponibili alla discussione ed allo scambio reciproco.


10) COME FARE PUBBLICITA' SU LINKEDIN
Come tutti i social network, anche Linkedln prevede la possibilità di inserire contenuti a pagamento per essere sponsorizzati e ottenere maggiore visibilità.
L'obiettivo è raggiungere il target definito e professionisti tramite aggiornamenti sponsorizzati e/o annunci di testo.

Entrambi rimandano al vostro sito.

Per creare un aggiornamento sponsorizzato occorre avere una pagina aziendale, poi andate su LinkedIn Campaign Manager, cliccate "Crea campagna" e scegliete il tipo.
Personalizzatela  e fate delle prove per ottenere i migliori risultati, verificandoli con le statistiche.

L'opzione "Annunci di Testo" è fruibile invece anche per gli utenti privati, privi di pagine aziendale. In questo caso, su LinkedIn Campaign Manager, si può scegliere se reindirizzare gli utenti che cliccano sull'annuncio al proprio profilo Linkedln oppure al proprio sito.

Una importante possibilità è rappresentata dal fatto che si possono creare fino a 14 test di annunci per fare prove e determinare quelli che registrano i risultati migliori.

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo post, lascia pure un tuo commento, ci farebbe molto piacere sapere come la pensi in merito.